Google
Web web.cheapnet.it/eugy
Cara/o collega insegnante, puoi usare questa mascherina per altre ricerche. Oppure vai alla pagina iniziale, dove troverai altre interessanti esperienze d'insegnamento:
HOMEPAGE / Pagina iniziale
Una serie di programmi utili per il tuo PC Installa Firefox, al posto di Explorer, eviterai virus e le finestre che si aprono da sole Bellissimo programma per le tue foto. Scaricalo!

"SCUOLA ELEMENTARE _______ "


Programmazione di attività alternativa all’insegnamento della religione cattolica

primo ciclo: classe 1°A anno scolastico 2002/2003.


I programmi ministeriali non danno specifiche indicazioni per le attività da svolgersi in alternativa all’insegnamento della religione cattolica.


L’attività alternativa, organizzata per gli alunni che non intendono avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica, non deve però rivestire un carattere curricolare per non determinare differenziazioni nel processo didattico formativo dell’intera classe.


L’attività alternativa riguarderà un percorso educativo che permetta ai bambini di osservare e analizzare alcuni aspetti culturali relativi all’organizzazione della società.


Gli alunni che partecipano all’attività alternativa sono due.

Gli insegnanti sono quelli di classe.


Spazi: la biblioteca della scuola, l’aula video, l’aula multimediale.


Materiali: un quaderno personale per ogni alunno dove raccogliere eventuale materiale (schede, disegni, collage, ecc.) matite, pennarelli e colori vari, cartoncini ecc.

Libri, giornali , riviste, videocassette ed eventuale materiale informatico.




"NOI NEL MONDO"

Finalità: sviluppare un’iniziale consapevolezza dei valori della vita e della convivenza civile.


Obiettivi:

  • educare alla conoscenza delle diverse culture dei popoli
  • educare alla convivenza sociale nel rispetto delle differenze
  • avviare ad una prima lettura critica di immagini e messaggi nella società.

Mappa del percorso:

  • attraverso la lettura di storie e fiabe provenienti da vari paesi, invitare all’analisi di differenti valori e abitudini culturali
  • mediante immagini televisive ed a una prima semplice lettura dei loro messaggi, avviare attività di conversazione, ricerca, di indagine e produzione grafica
  • avvalendosi di immagini pubblicitarie, utilizzando anche drammatizzazioni, invitare i bambini ad una lettura critica dei messaggi e dei contenuti.